Strumenti

Siamo orgogliosi di presentarvi alcuni dei software e degli strumenti di indagine che consentono ad NCS Lab di supportarvi al meglio nel vostro successo illustrandone le caratteristiche salienti, il tipo di indagini effettuabili, alcuni cenni sul funzionamento dello strumento e quali informazioni si ottengono grazie al suo utilizzo.

Tuttavia gli strumenti più vanzati del mondo possono non essere utili nel modo sperato se non vengono utilizzati correttamente o se le loro potenzialità non vengono sfruttate.

Questo può dipendere anche dalla non corretta raccolta e di corretta conservazione dei campioni. Le modalità con cui si svolgono queste operazioni costituiscono un aspetto di primaria importanza per le analisi di laboratorio: infatti proprio in questa fase occorre garantire il rispetto di determinate procedure di prelievo e l’osservazione di certe accortezze nella conservazione da cui dipende strettamente l’accuratezza del risultato finale e la possibilità di arrivare alla soluzione di problematiche.

Il verificarsi di mancanze o leggerezze in questa delicata fase può comportare la modifica o la distruzione di caratteristiche, e di conseguenza, impedire l’acquisizione di informazioni di fondamentale importanza e compromettere il lavoro di analisi o di indagine.

Ecco quindi alcune linee guida generali su come maneggiare i campioni che devono essere inviati al laboratorio.

Quando è utile:

  • Failure analysis :
    • morfologie di rottura, danneggiamento, corrosione e usura per l’identificazione di cause e meccanismo
    • indagine su difetti, cricche, depositi, inclusioni, ecc. per definirne natura e possibili cause
  • Studio della morfologia e topografia superficiale per la verifica di trattamenti e rivestimenti
  • Analisi di immagine e misura di lunghezze
    • con elevati ingrandimenti (nominalmente fino a oltre 100000X)
    • con risoluzione nominale fino a livello nanometrico
  • Analisi di campioni organici (polimeri, compositi, vernici, ecc.) senza metallizzazione con tecnologia a basso vuoto (LV)
  • Immagini con discriminazione di zone a diversa composizione tramite sonda ad elettroni retrodiffusi
  • Approfondimenti microstrutturali su sezioni
  • Analisi chimica puntuale tramite microanalisi con sonda EDS abbinata (vedi scheda dedicata).

Caratteristiche principali:

  • Immagini di superfici ad elevata risoluzione e alto ingrandimento
  • Analisi di materiali massivi, frammenti, fibre, rivestimenti e film
  • Studio della morfologia e della topografia di superfici
  • Indagini frattografiche
  • Può essere una tecnica distruttiva

NCS lab utilizza lo strumento JEOL JSM6390LV, dotato di sonde per elettroni secondari e retrodiffusi, operatività in alto e basso vuoto, comandi motorizzati per la movimentazione del campione in camera, sonda EDS.

Quando è utile:

  • Studio della topografia e della tessitura delle superfici:
    • ricostruzione 2D e 3D
    • area di scansione fino a 50x50 μm
  • Misure di rugosità fine:
    • con rilievi puntuali, lineari o mediati sulla superficie
    • profondità di campo di qualche micrometro
  • Caratterizzazione di difetti superficiali
  • Mappatura di fasi micro e sub-micro
  • Approfondimenti microstrutturali

Caratteristiche principali:

  • caratterizzazione, misurazione e imaging di superfici
  • risoluzione nanometrica
  • tecnica non distruttiva
  • applicabile a tutti i tipi di materiali

NCS Lab utilizza lo strumento Bruker NANOS N8, che garantisce performance analitiche di alto livello, grazie all’elevata risoluzione e al grado di automazione. Sia informazioni di tipo visivo che misure sono velocemente ottenibili con risoluzione nanometrica o subnanometrica, per la valutazione di prodotti o lo studio di difetti.

 

Quando è utile:

Permette l’identificazione di tutti i materiali a matrice organica:

  • polimeri ed elastomeri
  • vernici, adesivi e sigillanti
  • lubrificanti
  • solventi e detergenti
  • ancora: alimenti, cosmetici, farmaci…

e anche di alcuni a matrice inorganica, per i seguenti scopi:

  • controllo di materie prime (granuli, manufatti, frammenti, ecc.)
  • identificazione di materiali incogniti, anche in forma microscopica
  • analisi di rivestimenti organici (vernici) e film sottili
  • analisi del grado di pulizia/contaminazione superficiale
  • studio di difetti superficiali e failure analysis
  • caratterizzazione di fasi e inclusioni

Caratteristiche principali:

  • Analisi di materiali massivi, frammenti, fibre e film
  • Identificazione di contaminazioni o fasi
  • Risoluzione micrometrica
  • Tecnica non distruttiva o minimamente distruttiva
  • Applicabile a tutti i materiali organici e anche in parte inorganici

NCS lab utilizza lo strumento THERMO iN10, unico per la concezione del microscopio direttamente integrato all’interno dello spettrometro FT-IR (con guadagno nell’intensità del segnale e dunque nella risoluzione).

 

Caratteristiche principali:

  • Immagini di superfici ad elevata risoluzione e alto ingrandimento
  • Analisi di materiali massivi, frammenti, fibre, rivestimenti e film
  • Studio della morfologia e della topografia di superfici
  • Indagini frattografiche
  • Può essere una tecnica distruttiva

NCS Lab utilizza vari sturmenti per valutazione di prodotti o lo studio di difetti.

Analisi Fluidodinamiche CFD (Computational Fluido Dynamics)

Consentono simulazioni per flussi in regime stazionario, flussi in regime transitorio, studi termici e scambio di calore in regime stazionario/transitorio.

E'possibile effettuare anche analisi aeordinamiche.

Il dipartimento R&D di NCS Lab è dotato di strumentazioni all’avanguardia e costituito da professionisti con specializzazioni complementari: ingegneria meccanica, dei materiali, biomedicale e chimica.

I nostri team di lavoro, seguono periodicamente corsi di formazione e aggiornamento e si confrontano quotidianamente con ambienti e situazioni eterogenee: l’esperienza interdisciplinare maturata ci permette di offrire al cliente un servizio di consulenza e reporting di alta qualità. 

Ad esempio è possibile affiancare alla lettura puntuale dei dati, l’interpretazione multi-disciplinare fornita dei nostri tecnici, che spesso agevola la comprensione dei risultati e la condivisione interaziendale delle informazioni che in questo modo diventano reale patrimonio del cliente.

Uno dei vantaggi che vi offre NCS Lab è la gestione interamente indoor dei vostri progetti: progettare e strutturare una vostra idea con l'aiuto della nostra equipe di ingegneri che viene poi realizzata e collaudata già all’interno della nostra struttura, per avere un riscontro rapido, completo e definitivo con una garanzia di maggior tutela della vostra proprietà intellettuale.

Inoltre NCS Lab offre la possibilità di interagire con un Referente Unico di Progetto per garantire una comunicazione semplice e diretta ed un supporto tecnico qualitativamente più efficace all’industria moderna.

Infine per una trasparenza assoluta e una fruizione più completa dei nostri servizi, il cliente può assistere personalmente allo svolgimento delle analisi e delle prove o utilizzare le apparecchiature messe a disposizione da NCS Lab a tariffa oraria e con il supporto di un operatore.

Principali software utilizzati da NCS Lab per le attività di calcolo, progettazione, simulazione e analisi:

  • 3D Systems
  • Ansys
  • ZW3D
  • Faro
  • Geomagic
  • Solid Works
  • Granta
  • Huron
  • Italsigma
  • Trio Sistemi e Misure
  • DSM
  • Microcut
  • Tebis
  • Schenck

3ds logo2   ansys logo

zw3d logo FAROblue logo

geomagic logo-tagline SolidWorks-logo-lam-quen-phan-mem granta-logo

logo huron LOGO ITALSIGMA HP logoTRIO

dsm logo microcut-logo Tebis Logo en big

schenck

Quando è utile:

  • Verifica della conformità a specifica di leghe.
  • Identificazione di metalli e leghe incognite.
  • Failure analysis.
  • Sono analizzabili gli elementi da Li a U.
  • E’ possibile operare anche su lamiere sottili e fili.

Utilizzi e caratteristiche principali:

  • Analisi quali-quantitativa di leghe metalliche.
  • Rileva anche C, N, P, S in leghe metalliche.
  • Sono analizzabili anche elementi da concentrazioni in ppm a percentuali.
  • Analisi in tempi rapidi.
  • Tecnica parzialmente distruttiva.

NCS lab utilizza lo strumento SPECTROMAXx (della Spectro), configurato per l’analisi di: acciai, leghe di alluminio, leghe di nichel e leghe di titanio.

Permettono di ricavare dati meccanici caratteristici. E'possibile realizzare:

  • prove statiche: carichi di rottura e moduli elastici (a trazione, a compressione, a flessione), carichi di snervamento e allungamenti (a trazione)
  • prove dinamiche: limite di vita a fatica

Quando sono utili:

  • ricerca e sviluppo nuovi materiali/componenti
  • controllo di materie prime
  • failure analysis
  • ricavo di dati utili per attività di calcolo strutturale e disegno

NCS lab utilizza due macchine servoidrauliche, entrambe sia per prove statiche che dinamiche:

  • Schenk Hydropuls (range di lavoro dinamico ± 250 kN)
  • Italsigma Multiaxial Fatigue:
    • multiattuatore
    • range di lavoro dinamici ± 2 kN; ± 10 kN; ± 20 kN (3 diverse celle di carico)
  • Banco di prova con set up personalizzabili (progettati e realizzati internamente)
  • SLS

La SLS (Selective Layer Sintering) fa impiego di polveri termoplastiche PA per la costruzione per accrescimento di prototipi, attraverso un processo di sovrapposizione e successiva solidificazione di strati di materiale. Il procedimento prevede che in un ambiente ad atmosfera inerte e temperatura costante, un rullo stenda uno strato sottile di polvere composita su una piattaforma, sulla quale, tramite un gioco di riflessioni e specchi, è indirizzato un raggio laser che sinterizza il materiale, raggiungendo localmente la temperatura di fusione delle polveri che in seguito, raffreddandosi, solidificano dando origine alla geometria desiderata.

  • DMLS

La tecnologia DMLS differisce dalla SLS per il materiale utilizzato durante la sinterizzazione che è metallico: titanio, alluminio, inconel, 17-4PH e acciaio.

  • SLA

Con la tecnologia SLA i materiali utilizzati per la produzione dei prototipi sono resine ceramiche o trasparenti.

TRATTAMENTI SUPERFICIALI

Tutti i prototipi ottenuti tramite la tecnologia SLS e SLA sono passibili di verniciature, metallizzazioni, rivestimenti galvanici o altri trattamenti superficiali, secondo le specifiche esigenze: da quelle estetiche a quelle strutturali.